Informations et ressources scientifiques
sur le développement des zones arides et semi-arides

Accueil du site → Doctorat → Italie → Studio sulla variabilità genetica e sulla provenienza del germoplasma di of Olea europaea L. in Emilia

Università di Parma (2008)

Studio sulla variabilità genetica e sulla provenienza del germoplasma di of Olea europaea L. in Emilia

Beghè , Deborah

Titre : Studio sulla variabilità genetica e sulla provenienza del germoplasma di of Olea europaea L. in Emilia

Auteur : Beghè , Deborah

Université de soutenance : Università di Parma .

Grade : DOTTORATO DI RICERCA IN BIOLOGIA VEGETALE 2008

Descriptif
La presenza di documenti storici e il reperimento di piante di olivo, alcune delle quali plurisecolari, dimostrano che nel passato esisteva un’attiva olivicoltura lungo la fascia pedemontana dell’Emilia Romagna. È nell’ottica della valorizzazione e della salvaguardia della biodiversità che nasce la necessità di attuare programmi di ricerca che portino ad un mantenimento del patrimonio olivicolo emiliano. Tuttavia, impostare una ricerca per la rivalutazione di specie e cultivar dimenticate al fine di ripristinarne la coltivazione è ammissibile solamente a patto che i genotipi in studio si dimostrino promettenti da un punto di vista economico. È su questa linea che lo studio riportato nel seguente lavoro è stato diretto, svolgendo una attività di ricerca atta al reperimento, recupero, conservazione, identificazione e classificazione delle antiche piante di olivo delle province di Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Gli olivi presenti oggi in Emilia sono sprovvisti di nome e la loro origine è ignota potendosi trattare di piante derivate da semine casuali o da ricacci di portinnesto. Inoltre le piante, come tutti gli organismi viventi, vanno incontro a mutazioni. Uno dei punti fondamentali da cui questa ricerca non può prescindere è, quindi, la conservazione del germoplasma olivicolo autoctono, che si rende necessaria al fine di evitare la scomparsa di genotipi potenzialmente interessanti. È quindi la classificazione di queste piante il punto di partenza per capire il processo di selezione e per stabilire un eventuale programma di miglioramento genetico. Lo studio intende ottenere informazioni sul fenotipo e genotipo di ognuna delle accessioni rinvenute nel territorio emiliano. Il ricorso all’elaiografia permette di realizzare una ricerca, mediante lo studio dei caratteri morfologici, in grado di individuare e distinguere le caratteristiche proprie delle piante. Il risultato di questo studio sarà la costituzione di una scheda elaiografica basata sui caratteri morfologici e la possibilità di discriminare le accessioni locali.

Présentation

Version intégrale ( 4,3 Mb)

Page publiée le 26 avril 2021