Informations et ressources scientifiques
sur le développement des zones arides et semi-arides

Accueil du site → Master → Italie → Analisi di tre prodotti di stima della precipitazione sull’East Africa e sull’Africa Australe

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. (2020)

Analisi di tre prodotti di stima della precipitazione sull’East Africa e sull’Africa Australe

Ferguglia, Olivia

Titre : Analisi di tre prodotti di stima della precipitazione sull’East Africa e sull’Africa Australe

Auteur : Ferguglia, Olivia

Université de soutenance : Alma Mater Studiorum Università di Bologna.

Grade : Laurea magistrale 2020

Résumé
Negli ultimi decenni, l’East Africa (EA) e l’Africa Australe (SA) hanno assistito ad un’intensificazione degli eventi meteo-idrologici estremi, quali inondazioni e siccità con gravi conseguenze sulla vita delle popolazioni. Di fondamentale importanza risulta perciò il monitoraggio della precipitazione e quindi lo sviluppo di prodotti di precipitazione basati su osservazioni satellitari. Essi sono in grado di sopperire alla penuria di dati e all’inadeguatezza delle stime fornite da stazioni pluviometriche. Per questo studio sono stati utilizzati tre dataset ad alta risoluzione spaziale e di lunga durata per descrivere la precipitazione in EA e in SA nel periodo 1983-2017 : TAMSAT v3, basato su osservazioni nell’infrarosso termico (TIR) e calibrato con dati pluviometrici climatologici ; CHIRPS, anch’esso basato sul TIR ma calibrato con osservazioni nelle microonde (PMW) ed integrato con dati pluviometrici, e MSWEP v2, un dataset relativamente nuovo ed poco validato, generato dalla combinazione di dati di rianalisi, pluviometrici e da PMW. Tali prodotti sono stati quindi confrontati direttamente, superando la tradizionale validazione tramite stazioni pluviometriche. Grazie alle analisi condotte con statistica dicotomica e comparativa a coppie a diverse scale temporali (giornaliera, mensile e stagionale), sono state indagate le analogie e le differenze tra i tre prodotti sia nell’identificazione dei giorni precipitanti sia nella stima quantitativa, in base alla topografia, al clima e al processo meteorologico generante la pioggia. Nell’EA e nel SA, i terreni complessi, come zone montuose o desertiche, ed alcuni meccanismi di formazione della pioggia (sistemi frontali o cicloni extra-tropicali) rappresentano un grosso limite di rilevazione per i prodotti basati sul TIR (CHIRPS e TAMSAT3). MSWEP mostra comportamenti diversi nelle due aree di studio : nell’EA sottostima la precipitazione rispetto agli altri due dataset, nel SA mostra un buon accordo con il prodotto CHIRPS.

Présentation

Version intégrale (7 Mb)

Page publiée le 23 mars 2022