Informations et ressources scientifiques
sur le développement des zones arides et semi-arides

Accueil du site → Master → Italie → Challenges for an Integrated Water Resource Management in the Merguellil basin (Tunisia)

Università di Bologna (2010)

Challenges for an Integrated Water Resource Management in the Merguellil basin (Tunisia)

Galafassi, Diego

Titre : Challenges for an Integrated Water Resource Management in the Merguellil basin (Tunisia)

Auteur : Galafassi, Diego

Université de soutenance : Università di Bologna

Grade : Tesi di Laurea 2010

Résumé
La risorsa acqua in zone semi-aride è sottoposta a un’estrema variabilità climatica nello spazio e nel tempo. La gestione della risorsa acqua è quindi soggetta a un insieme di sfide quando i vincoli naturali vengono uniti agli effetti indotti da attività umana come per esempio l’aumento dello sfruttamento dell’acqua di sottosuolo, cambiamento dell’uso del suolo e presenza di infrastruttura mista. Si spera che il cambiamento climatico e l’attività risultanti dallo sviluppo economico, a corto termine aumentino la pressione su un sistema ormai sensibile. Se pianificato e gestito correttamente, lo stoccaggio dell’acqua, nelle sue varie forme, funge come un meccanismo di controllo della variabilità climatica e può potenziare la capacità adattiva. Lo uadi Merguellil è un corso d’acqua a carattere non perenne al centro della Tunisia, più specificamente a est della città di Kairouan. Il Merguellil drena la pioggia sulla dorsale Tunisina insieme al uadi Zeroud e Nebhana, ed è tra i principali fiumi che scorre sulla piana di Kairouan. Lo stoccaggio dell’acqua nel bacino assume diverse forme come i laghi collinari, i terrazzi, acqua di sottosuolo e una diga. Alcune delle opzioni per lo stoccaggio dell’acqua sono state costruite per preservare la risorsa acqua, mantenere la popolazione rurale e mantenere l’equità tra le zone a monte ed a valle ma solitamente non è mai stata fatta un’analisi comprensiva dei "trade-offs" coinvolti in tali sviluppi. Anche se la ricerca è sviluppata in questa zona, finora nessuna analisi ha cercato di combinare le dinamiche del sistema idrologico con scenari gestionali. L’analisi di scenari gestionali consente ai decisori di valutare delle alternative di pianificazione e può incrementare positivamente la loro abilità di creare delle politiche che si basino sulle necessità fisiche ma anche sociali di un particolare sistema. Questo lavoro è un primo passo verso un Sistema di Gestione Integrata della Risorsa Idrica (inglese : IWMR) capace di mettere in prospettiva strategie future su diverse scale. L’uso di uno strumento metodologico illustra le sfide associate nell’affrontare questo compito. In questo caso, un modello WEAP (Water Evaluation and Planning System) è stato sviluppato in collaborazione con partners Tunisini in modo da integrare le conoscenze su processi fisici e valutare diverse tendenze come l’aumento dell’irrigazione o il cambio di alcuni aspetti climatici. Lo strumento ora è disponibile ai ricercatori locali dove potrà essere sviluppato ulteriormente a fine di indirizzare domande più specifiche. Questo lavoro focalizza lo stoccaggio dell’acqua per poter evidenziare le interazioni dinamiche tra le diverse opzioni di stoccaggio nella zona di studio e valutare i "trade-offs" tra di esse. I risultati iniziali dimostrati in questo lavoro sono : - Se lo sfruttamento degli acquiferi fosse ristretto ai livelli delle loro ricarica, la domanda d’acqua dei diversi utilizzatori non sarebbe soddisfatta al 25% dei livelli di consumo attuale. - La tendenza di incremento dell’agricoltura di irrigazione crea un impatto più accentuato nelle risorse di sottosuolo di quello creato da un’ipotetica riduzione della piovosità all’85% - L’aumento del numero di laghi collinari riduce la quantità d’acqua che arriva a valle, allo stesso tempo aumenta la quantità d’acqua "persa" per evaporazione.

Présentation

Page publiée le 21 novembre 2011, mise à jour le 15 mars 2019